Sharing


Domenica scorsa sono stato al concerto di Zucchero al Royal Albert Hall: non vi dico la bellezza del teatro e l’atmosfera di assoluta partecipazione che il concerto trasmetteva a tutti. Naturalmente ho realizzato un corposo servizio fotografico della “spedizione” ed i miei amici volevano avere e visionare questo servizio. Ma come fare a mandare, tramite internet, un cosi’ cospicuo numero di foto senza che diventi di accesso pubblico (in poche parole non mi andava di pubblicarlo su Flickr)?

Ecco che mi arriva in aiuto Maestro Alberto con la sua recensione puntuale che fa al mio comodo. Ho provato Filemail per il mio scopo, che permette di inviare sino a 2 Giga bite di files (qualsiasi tipo e ripeto 2 giga bite) in modo semplice ed efficace. Connettendosi al sito non si deve far altro che selezionare cio’ che vogliamo inviare ai nostri amici e una volta selezionati i files, il servizio provvedera’ all’upload delle nostre foto o altro in maniera alquanto veloce. Finito l’upload si verra’ indirizzati ad una pagina dove sara’ possibile conoscere il link per scaricare i file ma non solo. Infatti il servizio permette di criptare l’upload con una password a 128 bit, scaricare solo le immagini che riteniamo necessarie o scaricare tutto il pacchetto in formato zip e in piu’ la pagina di download permette di visionare le foto sotto forma di presentazione.

Un servizio molto affidabile e veloce (nelle mie prova ho scaricato 70 Mb in 6 minuti) che prevede anche un account premium dietro il pagamento di una cifra mensile (meno di 3 dollari). Per gli account free il tempo che si ha per scaricare le foto e’ di 5 giorni e si possono effettuare un massimo di 9 download; per gli account premium il periodo di permanenza si estende a 14 giorni e il limite di download e’ di 100 unita’.

Nella condivisione e nello scambio di file tra gli utenti, i software P2P la fanno da padrona, ma non tutti sono molto semplici nell’utilizzo e di facile intuizione. Sicuramente tra questi troviamo i diversi software che gestiscono i file torrent, che hanno diversi modi di ricerca e di download.

YouTorrent é un motore di ricerca molto veloce e pratico che permette di effettuare le nostre ricerche spulciando le nostre keys tra i piú importanti motori di ricerca di file torrent, tra cui: Mininova, The Pirate Bay, SeedPeer, myBittorrent e molti altri.

Un servizio che funziona molto bene e che aiuta gli utenti meno esperti alla ricerca dei propri file preferiti.

Fonte: Apogeonline

 

Con l’avvento dell’internet tv, la rete é invasa di video, provenienti sia da canali affermati che da fonti amatoriali: in questo modo ogni persona diventa una fonte e la disponibilità di video si allarga a dismisura.

Miro é un player opensource,  multipiattaforma che non necessita di nessun codec per la riproduzione dei file video. Non é solo un player, in quanto permette di effettuare ricerche sui piú grandi portali video, di scaricarli sul proprio computer con una qualità elevata. Funziona anche come fruitore di contenuti televisivi, in quanto ha una library con centinaia di canali free e permette il download dei video da YouTube e i suoi simili nonché dei file Torrent.

I download veloci, la sua facilitá di utilizzo e la sua leggerezza ne fanno un ottimo prodotto. Per coloro che preferiscono vedere come funziona il software, eccovi un video dimostrativo.

Fonte: Megalab

 

Questo é il biglietto da visita di un servizio che ho scoperto solo oggi, ma che ho saputo che esiste da almeno un annetto. Foto, presentazioni, slideshow e tutto ció che ruota intorno alle immagini é soddisfatto da questa applicazione.

 

 

Imageloop é un sito (anche in italiano) che permette di creare slideshow e presentazioni online, richiedendo soltanto l’upload delle foto, senza registrazione, che comunque resta facoltativa. Oltre a ció, permette di caricare le immagini come un hosting, inserire degli effetti alle foto, caricarle su Flickr in modo semplice, migliorare presentazioni giá create con Power Point o con Open Office nonché inserire il tutto sul proprio sito o blog.

Un’applicazione veramente completa, che non vincola l’utente alla registrazione, molto intuita in quanto tutti i comandi sono funzionali in modo grafico e molte le opzioni disponibili. Da provare.

 

Fonte: Fourstarters

 

All’inizio fu Google Mail, il primo servizio internet al quale si poteva accedere solo dietro invito da parte di qualcuno che giá aveva avuto il privilegio di farne parte. Oggi molte nuove applicazioni sono lanciate sotto forma di invito: questo per creare una sorta di cerchia esclusiva, far sentire importanti i pochi partecipanti, anche se spesso si degenera come il caso di Pownce dove gli inviti sono stati messi all’asta su e-bay.

Invite Share annulla questo problema, in quanto iscrivendosi al sito potrete usufruire gratuitamente degli inviti messi a disposizione dalla comunità. Il tutto funziona con una graduatoria, che puó essere scalata facilmente se si condividono i propri inviti disponibili.

Un’ottima idea, in un sito ben fatto graficamente che tutela i partecipanti dallo spam grazie alla “pubblicazione” delle e-mail sotto forma di immagini.

Fonte: Robin Good

Su molti blog é apparsa la notizia dell’impossibilitá di accedere a Divshare a causa del sovraffollamento di users. Oggi finalmente sono riuscito ad accedere al mio account e ho trovato questo piccolo messaggio:

Speriamo ritorni a funzionare a pieno regime e che non perderemo i nostri dati!

Di software sharing la rete é piena, ma tutti hanno dei limiti: lentezza, poca disponibilitá di titoli, rischio malware e molto altro. Ma una volta trovato ció che cerchiamo come si fa a condividerlo con gli amici?

Eccoci in aiuto AllPeers, un’utilissima estensione Firefox che ho conosciuto da poco grazie alla classifica stilata da Webware, che l’ha considerata una delle grandi novitá del Web 2.0 (qui l’articolo). Eccovi il video illustrativo.